Google+

Custom Timelines: lo #storytelling approda su #Twitter

1

14 novembre 2013 di Alessandra Toni

Premessa: sono una Twitter addicted.

Perché Twitter, ad oggi, è l’ufficio stampa più importante al mondo: è il social network che ha rivoluzionato l’informazione, il rapporto con l’attualità, che ha abbattuto il muro tra il pubblico e i media tradizionali, rendendo ogni spettatore protagonista attivo di ogni evento.

twitter-logo-bird

Ma ammettiamolo: il suo carattere effimero e talvolta caotico è sempre stato uno degli elementi più difficili da fronteggiare.

Dalla sua nascita, infatti, il social cinguettante si è sempre presentato come un flusso continuo e inarrestabile di pensieri ed opinioni … un fiume di tweets che ha sempre vita breve sulla timeline di ciascuno di noi (a meno che non seguiate solo una decina di persone).

Ma da ieri tutto è cambiato.

Twitter ha infatti introdotto una grande novità: le custom timelines, ovvero le timeline personalizzate.

Ecco come sono state introdotte nell’annuncio ufficiale pubblicato il 12 novembre su twitter.com:

Custom timelines give you more control over how Tweets are organized on the Twitter platform.

 

Da questa frase si evincono due parole chiave: you (non a caso da loro evidenziata in grassetto) e control.

Sì, perché grazie alle timeline personalizzate finalmente possiamo diventare registi delle centinaia di tweets che ogni minuto compaiono (e scompaiono) sulle nostre timeline tradizionali.

In realtà questo cambiamento ci ricorda già qualcosa … eh sì, le custom timelines strizzano l’occhiolino a Storify, servizio fondato nel 2010 che permette di creare un filo logico tra i contenuti pubblicati dagli utenti sui social e dar così vita a vere e proprie storie attorno ad uno specifico evento o argomento.

storify_collage

Burt Herman, co-fondatore di Storify, ne aveva spiegato così l’intento:

“Unire tutte le molecole di informazione in un qualcosa che abbia un senso. Che cosa leggono le persone? Le persone leggono qualcosa che ha senso, leggono storie”.

Storify è stata recentemente acquistata da Livefyre con l’obiettivo di raggiungere ancora più utenti…e Twitter non è certamente rimasto a guardare.

Capendo l’importanza dello storytelling nella gestione dei social network e nell’interazione con il proprio pubblico, ecco che Twitter è corso ai ripari con la novità delle timeline personalizzate.

Come funzionano?

Primo passaggio fondamentale: essere iscritti a TweetDeck (la registrazione e il collegamento con il vostro account Twitter richiederà pochissimi minuti)

Così comparirà la vostra facciata:

TweetDeck

Cliccate sul + collocato sulla sinistra (Add Column) ed ecco le funzioni a vostra disposizione:

colonna

Basterà selezionare l’ultima opzione sulla destra per iniziare a personalizzare le vostre nuove timeline.

L’aggiunta dei tweets è semplicissima, ovvero trascinateli verso la nuova colonna appena creata oppure scegliete “Add to custom timeline” tra le opzioni disponibili per ogni tweet.

new custom

I passaggi sono rapidi, ma, come dichiarato nell’annuncio ufficiale:

The rest is up to you

Il resto dipende da voi.

Quindi, cosa permettono di fare le timeline personalizzate?

Scegliere e condividere i migliori tweets attorno ad un argomento o evento di nostro interesse; collezionare i migliori interventi su una partita di calcio o un programma tv (dando così ulteriore forza al fenomeno del second screen); selezionare i contributi più significativi della propria community di riferimento; ospitare una sessione di Q&A.

La visibilità delle nostre custom timelines sarà massima perché ognuna avrà il proprio URL su twitter.com, potrà essere condivisa ovunque, incorporata nei blog e siti web grazie ai codici embed e dare vita a nuove conversazioni usando l’opzione “Twitta di questa Cronologia”

Un esempio di applicazione utile?

Il recente botta e risposta di Renzi con gli utenti di Twitter, usando l’hashtag #matteorisponde, potrebbe a mio parere trarre grande beneficio da una timeline personalizzata: questa riuscirebbe a dare ordine ai circa 4000 tweets pubblicati durante lo streaming, raccogliendo i più significativi per poi essere pubblicata sul sito web dello stesso Renzi.

Da un sindaco 2.0 come lui mi aspetto una mossa simile…

Ecco invece un esempio concreto di custom timeline: è quella realizzata da Carson Daly, presentatore di The Voice Usa, che ha raccolto i migliori interventi arrivati in tempo reale durante l’ultima puntata del programma televisivo.

Carson's Voice Timeline di Carson Daly su Twitter

Tante le potenzialità offerte da questa nuovissima funzione…potenzialità importanti per chiunque sia presente su Twitter, dal brand al politico, dall’artista alla persona comune.

Ciò che conta è avere voglia di raccontare una storia ai nostri followers, coinvolgerli e farli sentire assoluti protagonisti.

La vostra web reputation vi ringrazierà.

Annunci

One thought on “Custom Timelines: lo #storytelling approda su #Twitter

  1. […] Durante il 2014 si prevede che il social possa diventare ancora più forte di adesso: il fenomeno del second screen si radicherà ancora di più nelle nostre case, continueremo a discutere di ogni notizia in tempo reale e impareremo a costruire vere e proprie storie con l’aiuto delle Custom Timelines. […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WEB ROAD SI È TRASFERITO

Ti ricordo che il mio blog si è trasferito! Seguimi al nuovo indirizzo ➜ alessandratoni.it ... e ogni settimana partiremo per un nuovo viaggio sulle strade del web!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: